LA STAR DEL FUTURO: RODRIGO “LOLO” BENTANCUR


BENTANCUR1

Quando la Juventus decise di assecondare l’amore di Carlitos Tevez per il suo Boca ricordo che lessi che nella trattativa la “Vecchia Signora” voleva includere un giocatore giovanissimo, di neppure 18 anni, tale Rodrigo Bentancur che avrebbe dovuto prendere la via di Torino nell’operazione Tevez.

Avendo amici di provata fede “Xeneises” provai ad informarmi su questo ragazzo che fino ad allora era per me un perfetto sconosciuto o quasi.

“El Pibe de la Reserva” (così si riferì a Rodrigo il mio amico) “es un autentica joya”. Va a ser titular en dos temporadas”.

Al momento pensai che il mio amico stava forse un po’ esagerando. In fondo a centrocampo il Boca non era certo messo male ! Gago intoccabile in cabina di regia per 3-4 stagioni buone, Perez,  giocatore squisito e che il Boca contava di riscattare definitivamente dal suo Club della Liga spagnola e poi giovani rampanti come Meli, Cubas o il più navigato Erbes che già avevano fatto diverse apparizioni in prima squadra.

In effetti il mio amico aveva esagerato … troppo pessimista !

Rodrigo Bentancur dalla primavera scorsa, con i suoi 17 anni, si stava già ricavando il suo spazio nel Boca di Arruabarrena, suo assoluto estimatore fin dagli inizi.

Personalmente mi sono bastate due partite della scorsa stagione appunto (contro Newell’s e Banfield, entrambe alla Bombonera) per rendermi conto che di questo filiforme ragazzo uruguayano ne avremmo sentito parlare molto presto e per tanti e tanti anni a venire.

Un eleganza sublime, un tocco di palla raffinatissimo, grande visione di gioco e tanto tanto movimento anche in fase di non possesso sia quando c’è da fare “filtro” sia quando c’è da proporsi in fase offensiva attaccando gli spazi.

Lo so, è una bestemmia e qualcuno mi darà del matto (come minimo !) ma è il giocatore più somigliante a Zinedine Zidane che io abbia mai visto da quando quel fenomeno francese ha deciso di appendere le scarpe al chiodo !

… e chissà. Il fatto che proprio il Real Madrid abbia sondato recentemente il terreno per questo ragazzo e considerando chi ne è l’attuale allenatore … forse non l’ho neanche sparata così grossa !

El LOLO, come da tutti viene chiamato Rodrigo, nasce in Uruguay nel giugno del 1997, nella cittadina di Nueva Helvecia e gioca nel piccolo Club Artesamo della sua città.

Adora il calcio ovviamente e in famiglia il calcio è decisamente di casa visto che il padre è proprio il Presidente del Club Artesano, il più importante della città e dove il piccolo Lolo ha da poco iniziato a giocare.

Ma come il destino decida di giocare un ruolo decisivo per portarlo a 12 anni a lasciare la sua cittadina e a trasferirsi in un’altra nazione, in una metropoli come Buenos Aires e a giocare per un Club di statura mondiale come il Boca beh … è davvero notevole !

Succede che un allenatore del Club Artesano, Daniel Fernandez, grande amico del padre di Rodrigro, decide di organizzare, nella sua scuola calcio, una giornata di allenamento con la supervisione del Prof. Horacio Anselmi, uno dei “Profe” del Boca Juniors ma essenzialmente un professore di educazione fisica e comunque relazionato con altri sport delle giovanili del Boca e non con il calcio. Quel giorno, dopo la mattina al liceo, Rodrigo decide di passare a salutare il padre impegnato in questa “dimostrazione”. Manca qualche unità per la serie di esercizi che ha in mente Fernandez e allora chiedono al piccolo Lolo di fermarsi per partecipare.

Rodrigo racconta che quasi supplica il padre di lasciarlo andare a casa in quanto è tutt’altro che entusiasta di fare salti, corse, flessioni ed esercizi fisici di varia natura.

Il padre lo convince  e quello che vede il Prof. Anselmi è sufficiente per decidere di portare con se il ragazzo a Buenos Aires per aiutarlo essenzialmente nella correzione di alcune posture non proprio perfette, come ad esempio l’appoggio del piede durante la corsa.

Il tutto sarebbe dovuto durare non più di una giornata ma quel lunedì di dicembre stabilito per il lavoro di “correzione” di Rodrigo c’è una sorpresa; il Prof. Anselmi è partito per il Giappone e sarebbe stato di ritorno solo il giovedì successivo.

Rodrigo torna in Hotel, chiama il padre perché venga a riprenderlo ma proprio lì il fato decide di giocare le sue carte migliori.

Lolo incontra un mister delle giovanili del Boca, Horacio Garcia, che gli propone di fermarsi fino a giovedì e nel frattempo di allenarsi con la squadra dei 1996, visto che i ragazzi della sua età, quelli del 1997, sono già in vacanza.

Rodrigo non ne vuol sapere ma ancora una volta il padre lo convince.

Si allena per 3 giorni con i ragazzi del 1996 diretti da uno dei più grandi Mister della storia del settore giovanile del Boca, Luis Luque.

Alla fine di quelle tre giornate le parole dei dirigenti del Boca sono inequivocabili “Ok ragazzo. Tornatene pure in Uruguay ma prepara la valigie perché per l’inizio della nuova stagione ti vogliamo qui con noi, al Boca”.

A Rodrigo tremano le gambe, ma a 12 anni la decisione è tutt’altro che facile.

E’ ancora una volta il padre a diventare determinante “Lolo, tu prova. Al primo momento in cui senti che non ce la fai, io arrivo e ti riporto a casa”.

Il resto è storia recente.

Rodrigo esordisce nel Boca a pocopiù di 17 anni e oggi, a 18 anni e mezzo, può considerarsi titolare in un Club che sta tornando prepotentemente ai livelli che la sua storia gloriosa pretende.

E’ proprio di ieri sera il suo primo gol ufficiale con i colori blu-oro degli Xeneizes, dopo poco più di 40 secondi nella brillante vittoria contro il Newell’s che ha, forse definitivamente, spazzato via i dubbi sulla continuità del “vasco” Arruabarrena al timone del Club.

Arruabarrena che crede ciecamente nelle qualità di questo elegantissimo centrocampista il cui futuro, possiamo starne certi, sarà a breve in uno dei grandi Clubs del calcio europeo.

BENTANCUR1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...